081 553 86 55 / 081 553 65 44 info@analisipane.it       Ricerca nel sito

Orari

Il prelievo dei campioni da esaminare si effettua presso la sede del laboratorio secondo i seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì dalle ore 7.45 alle ore 12.00
  • il sabato dalle ore 7.45 alle ore 11.00

Per prelievi urgenti anche al di fuori dell’orario previsto o per l’esecuzione di specifici test, si contatti telefonicamente la struttura ai numeri
081 553 86 55/ 081 553 65 44.

L’utenza è invitata ad esibire la seguente documentazione prima del prelievo e/o della consegna dei campioni biologici:

  • richiesta del Medico curante
  • Documento d’identità o Patente o Passaporto in corso di validità
  • Tessera sanitaria

Prelievi domiciliari

In caso di necessità è possibile richiedere un prelievo a domicilio, mediante prenotazione telefonica il giorno precedente e, nei casi urgenti, anche nella stessa mattina. In fase di prenotazione vanno indicati il numero di telefono, l’indirizzo esatto, il nome riportato sul citofono e, se rilevante, la palazzina. L’importo da corrispondere per gli esami deve essere pagato all’infermiere prelevatore. La fattura dei pagamenti per gli esami sarà consegnata insieme ai risultati degli esami di laboratorio.

Preparazione al prelievo

Prima di effettuare qualsiasi prelievo del sangue è importante porre attenzione ad alcune piccole ma importanti regole da seguire affinché l’analisi del sangue sia il più possibile corretta.

Fattori come il digiuno, la dieta, l’assunzione di farmaci, l’esercizio fisico, la postura del fisico, possono in misura diversa influenzare la buona riuscita dell’analisi.

Si rende opportuno quindi convalidare alcuni semplici consigli per semplificare e facilitare l’operazione del prelievo e delle analisi.

Digiuno

Vi è accordo unanime sulla necessità che il paziente si presenti al prelievo a digiuno da almeno 8 – 12 ore. In questo periodo possono essere assunte solo modiche quantità di acqua e devono essere assolutamente escluse bevande zuccherate, alcolici, caffè, fumo.

Queste sostanze, infatti, possono rendere inaccurati i risultati degli esami o in alcuni casi rendere impossibile l’esecuzione delle analisi ematochimiche.

Dieta

Nei giorni che precedono il prelievo la dieta dovrebbe essere quanto più possibile abituale, evitando brusche variazioni dell’apporto calorico sia in eccesso che in difetto. In seguito alla riduzione drastica dell’apporto calorico (300/600 calorie/die), infatti, si è riscontrata una diminuzione del volume plasmatico del 30%. Questa alterazione induce rapidi cambiamenti nel sangue che le analisi rivelano.

La dieta deve essere abituale anche qualitativamente ovvero con un apporto di carboidrati, proteine e grassi che segua la normale dieta personale

Farmaci

Esistono numerosi studi riguardanti l’effetto dei farmaci sui test di laboratorio. Le interferenze possono manifestarsi direttamente o indirettamente a livello analitico. Nel primo caso esse non sono sempre e completamente prevedibili nella loro entità per un’ampia serie di variabili individuali che determinano l’assorbimento, il metabolismo e l’eliminazione del farmaco. Non di tutti i farmaci in commercio sono sufficientemente noti gli effetti collaterali, né vengono analizzate ed indicate le eventuali interferenze a livello analitico.

La più corretta preparazione del paziente agli esami ematochimici dovrebbe prevedere la mancanza assoluta e più prolungata possibile di qualsiasi trattamento farmacologico.

Questa norma deve essere rispettata senza eccezioni in caso di screening o di profili metabolici in persone sane e in soggetti asintomatici.

Esercizio fisico

Le variazioni delle attività enzimatiche e di alcuni analiti, rilasciati dalla muscolatura scheletrica in seguito all’esercizio fisico intensivo e protratto, sono fenomeni attesi ed in genere da evitarsi immediatamente prima del prelievo o nelle 8 – 12 ore che lo precedono. Questa norma deve essere assolutamente osservata in caso di analisi delle urine per la determinazione della clearance della creatinina.

Postura

Nel passaggio dalla posizione supina a quella eretta si modificano il volume plasmatico, la concentrazione degli elementi figurati del sangue e di alcuni analiti quali ad esempio il calcio (3,43%), il magnesio, il fosforo, la bilirubina, le proteine totali, il ferro (10,93%), i trigliceridi (18,5%), il colesterolo, l’ LDL (34%) e le transaminasi (34%). La risposta individuale ai cambi posturali è assai variabile, probabilmente in rapporto al volume della massa plasmatica, al tasso proteico totale, alle situazioni attuali del tono vascolare e della entità della risposta endocrina. I dati riferiti suggeriscono l’opportunità che la preparazione del paziente prima del prelievo venga quanto più possibile standardizzata al fine di rendere possibile il corretto confronto fra i dati relativi di un paziente ricoverato (verosimilmente ottenuti da prelievi in posizione supina) e quelli relativi allo stesso paziente, ma ambulatoriale, con prelievi eseguiti “a sedere”. È stata quindi proposta come raccomandazione la posizione “a sedere” per almeno 15 minuti prima di effettuare i prelievi sia nei pazienti ambulatoriali che nei pazienti ospedalizzati, quando possibile. Nei pazienti mantenuti in tali condizioni (15 minuti a sedere) le variazioni percentuali medie della concentrazione di molti analiti si sono dimostrate intermedie tra quelli che si verificano nel cambio tra le due situazioni posturali estreme (eretta e supina).

La risposta individuale ai cambi posturali è variabile probabilmente in rapporto al volume della massa plasmatica, al tasso proteico totale, alle situazioni attuali del tono vascolare e all’ entità della risposta endocrina.